alessandro melchiori
() => melkio.OnStage();

Alessandro Melchiori

L'importanza dei contesti

13 Jun 2011

Sollecitato dai commenti di Davide e Francesco, riprendiamo il discorso del post precedente e cerchiamo di analizzare e sviscerare un po’ di più le situazioni che sempre più spesso mi capita di vedere.

Quello che Davide e Francesco “contestano” della visione descritta nel post precedente credo sia dettata da una loro visione data-centrica: il dato prima di tutto…e detta così potrebbe sembrare ovvia :-) Ma non è così semplice: il dato cambia, non solo nella sostanza, ma anche e soprattutto nella forma e ciò che ne delinea i contorni sono i processi di business che le nostre applicazioni modellano. Guardare il dato in un particolare istante significa fare uno snapshot dello stato di un processo…ma mentre lo stiamo guardando e analizzando quel dato potrebbe già essere vecchio, ma non solo…potrebbe anche avere una “forma” talmente vecchia da non essere più utile.

La mia idea non è quella di creare dei gateway verso i dati, ma delineare in modo marcato i confini dei processi in cui ogni dato acquisisce un particolare significato. E’ solo attraverso il processo che si può capire il valore di un dato. Chiunque debba interagire con i dati in lettura lo può fare attraverso le API che i processi metteranno a disposizione, ma soprattutto quando si deve interagire in scrittura l’unico modo per non correre il rischio di portare il sistema in uno stato inconsistente è quello di delegare le nostre richieste a chi le sa gestire. Questo attore non può essere il database, che ha (e deve avere) altri compiti.

In un ambiente distribuito questa “compartimentazione” è manna dal cielo: come afferma il CAP theorem, non è possibile garantire contemporaneamente consistenza, “disponibilità” e tolleranza al partizionamento di rete (non so se si traduce così :-) )per un sistema distribuito. Garantire due di questi aspetti, in base alle esigenze, suddividendo l’intero sistema in contesti è la soluzione per semplificare il problema…ma di questo ne parliamo la prossima volta.

Comments