alessandro melchiori
() => melkio.OnStage();

Alessandro Melchiori

ValueObject: questo sconosciuto

01 Jul 2011

Uno dei concetti apparentemente più semplici del libro di Evans è quello di value object. Riporto fedelmente la sua definizione per non incorrere in errori e/o omissioni:

“…there are cases when we need to contain some attributes of a domain element. We are not interested in which object it is, but what attributes it has. An object that is used to describe certain aspects of a domain, and which does not have identity, is named Value Object…”

Ogni value object porta (o almeno dovrebbe) con se alcune peculiarità che lo caratterizzano come il fatto di essere immutable, “sharabile” tra varie entity e non avere alcun concetto di identità. Queste caratteristiche si traducono in esplicite richieste implementative che vanno assolutamente soddisfatte:

  • ogni value object viene creato inizializzandone i suoi attributi e per tutto il suo life-cycle non deve avere la possibilità di modificare il suo stato interno

  • per mia scelta personale, se possibile, evito di esporre lo stato interno di un value object. Se sono costretto a farlo (sotto tortura :-) ) lo faccio comunque solo in lettura

  • se si vuole cambiare lo stato interno di un value object se ne crea uno nuovo

  • non avendo intrinsecamente un concetto di identità deve ridefinire il modo in cui è possibile valutarne l’uguaglianza con un altro value object dello stesso tipo

Individuare correttamente i value object che decorano il nostro dominio non è un’attività semplice e soprattutto è un’attività spesso trascurata/tralasciata. Solo dopo un’attenta (l’ennesima) rilettura di alcune parti del libro di Evans ho colto l’importanza che viene data a questo particolare aspetto del nostro dominio.

Con poche accortezze, il nostro anemico object model acquisisce sostanza e ogni componente del puzzle si incastra perfettamente al suo posto.

Comments